IT
EN
 
 
 

FAMIGLIE

Dolomiti Friulane a portata di bimbo

Osservare da vicino cervi, caprioli, stambecchi che vivono in libertà fra le rocce. Imparare a intrecciare un cesto o a cuocere il pane. Seguire le orme che i dinosauri hanno lasciato nella roccia milioni di anni fa. Fare acrobazie, in tutta sicurezza, passando da albero ad albero. Provare l’avventura del canyoning. Divertirsi a riconoscere piante, fiori, erbe in piacevoli passeggiate guidate da un botanico. Le Dolomiti Friulane sono a portata di bimbo e offrono alle famiglie un ampio ventaglio di esperienze da poter vivere insieme. Inoltre hotel, agriturismo, B&B hanno un occhio particolare e sconti per le famiglie.

Dal racconto fantastico all’esperienza diretta: i bambini – novelli Baroni rampanti - possono provare il brivido dell’avventura al RampyPark, il parco acrobatico forestale in un meraviglioso faggeto a poche centinaia di metri dal centro di Piancavallo. Divertimento ed emozioni sono assicurati, in tutta sicurezza. I molti percorsi di albering assicurano ore di divertimento, senza mai scendere con i piedi per terra.
Diversi i gradi di difficoltà: da quelli semplici per i più piccoli a quelli decisamente impegnativi, nei quali si potranno cimentare anche i genitori, al difficilissimo percorso “nero” per i più atletici e sportivi.

Il Parco faunistico di Pianpinedo, tra i Comuni di Cimolais e Claut, insegna a piccoli (e grandi) a valorizzare e amplificare la percezione della natura. Nei suoi 35 ettari vivono in libertà caprioli, cervi, stambecchi, marmotte. Facilmente accessibile, è ideale per le famiglie, che vogliono avvicinare i bambini alla natura, facendo loro osservare da vicino animali selvatici, e – seguendo il sentiero botanico – piante e fiori di montagna. Accanto al Parco, nella Fattoria Didattica dedicata agli antichi mestieri della Valcellina, vengono organizzati su prenotazione laboratori per imparare a intrecciare cestini in vimini, a lavorare il latte per ottenere la ricotta, o impastare la farina per poi cuocere il pane nel grande forno a legna costruito nel cortile della struttura.

Nel Parco delle Dolomiti Friulane è possibile andare alla scoperta di impronte di dinosauro risalenti a 215 milioni di anni fa: sono impresse su un masso ai piedi della cascata del Rio di Casavento, a pochi minuti da Casera Casavento. Appartengono a un dinosauro teropode, carnivoro predatore, probabilmente lungo dai 5 ai 7 m. Per raggiungerle, si percorre la strada che sale da Lesis, un piccolo borgo del Comune di Claut.

Come in un film d’avventura, lasciarsi scivolare nelle acque di un torrente racchiuso tra alte pareti di roccia, superando cascatelle, toboga e salti: adrenalina ed emozioni per tutta la famiglia sono assicurate all’Acqua Park Pradis di Clauzetto. Con l’assistenza di una Guida Alpina professionista, i bambini si avventureranno in piccoli gruppi fra rocce ed acque seguendo il percorso del torrente Aga Viva, vero e proprio parco giochi acquatico, divertente anche per i genitori che vorranno accompagnarli. Non è necessario avere nessuna attrezzatura particolare, dato che l’equipaggiamento - muta in neoprene di 5 mm e calzari, caschetto e imbragatura - viene fornito da Live And Play.

Un trenino turistico su gomma permette di visitare in tutta sicurezza una delle meraviglie naturali delle Dolomiti Friulane, la Forra del Cellina. Il suo suggestivo tracciato parte da Barcis, attraversa l'intera riserva e permette di osservare le fantastiche forme di erosione che il torrente ha lentamente modellato incidendo lo stretto canyon, uno dei più spettacolari d’Italia.

Fra i molti altri luoghi interessanti per le famiglie, l’ex Centrale idroelettrica Antonio Pitter di Malnisio (splendido esempio di architettura industriale di primi del Novecento, oggi museo che fa parte dell’Immaginario scientifico, con percorsi interattivi ) e la diga del Vajont, luogo della memoria che va visto e raccontato anche ai più piccoli come monito che tragedie così devastanti non vengono più ripetute (visite guidate lungo il coronamento).